Num. Verde 800 11 28 25

Quale differenza tra cloud hosting e hosting condiviso?

Indice dei contenuti

Differenza tra cloud hosting e hosting condiviso: cosa cambia tra i due modelli di web hosting

Cloud hosting e hosting condiviso: che differenza c’è?
In questo post esaminiamo le caratteristiche di entrambi i servizi, mettendoli a confronto e cercando di individuare le loro più naturali applicazioni in ambito IT. Perché, se in comune hanno la parola “hosting”, di certo i loro tratti distintivi ci faranno scegliere l’una o l’altra opzione a seconda del nostro progetto web.

Shared hosting: di cosa si tratta?

Lo shared hosting è un piano di hosting erogato attraverso un’infrastruttura IT in cui le risorse vengono condivise tra più utilizzatori.
Questo significa che, per fornire un prodotto di hosting condiviso, un provider utilizza server e architetture in cui disco, storage, banda, database sono a disposizione di più clienti.
Principalmente, questo modello di delivery rende un hosting di tipo shared contrapposto a un servizio di tipo dedicato, dove le risorse vengono messe a disposizione del singolo utente.
Le caratteristiche generali di un web hosting shared sono:

    • la sua economicità
    • la capacità di servire progetti basati sui più comuni CMS
    • che per via dell’ambiente condiviso, i siti target sono per lo più quelli che non devono essere compliant a particolari policy di privacy e sicurezza

 

Gli host condivisi hanno infatti un basso impatto economico e sono ideali per progetti che non richiedono particolare risorsa o flessibilità.
Infatti, inevitabilmente, le limitazioni dello sfruttamento multiplo delle risorse da parte degli utenti possono far sì che i siti dei tuoi “coinquilini” vadano a creare problemi anche a te. E questo non può soddisfare esigenze più sofisticate o “mission critical”.

Cos’è un cloud hosting?

Cloud hosting è un hosting web che prevede, a livello tecnologico, di essere erogato da una serie di server e non da un singolo server, come normalmente accade nel caso degli shared.
Una caratteristica che lo rende più affidabile e resiliente di un hosting condiviso classico è che in caso di problemi, e di possibili failure, il sito web potrà essere migrato da un cluster a un altro in modo rapidissimo.
I vantaggi di questa soluzione rispetto allo shared hosting sono quindi:

    • maggiore uptime e SLA grazie alla possibilità di migrare velocemente e in modo trasparente da un nodo all’altro il sito se ci sono criticità tecniche
    • maggiori prestazioni grazie alla velocità di upgrade e alla risposta immediata della tecnologia cloud alle esigenze di più potenza di calcolo al bisogno
    • possibilità di servire progetti ad alto traffico
    • più sicurezza: l’isolamento delle risorse blocca il diffondersi delle conseguenze di eventuali vulnerabilità ad altri clienti oltre a quello direttamente colpito

 

sviluppatore-che-crea-sito-web-su-web-hosting-1200x630

 

Shared hosting vs cloud hosting, quale scegliere?

Quando scegli tra un prodotto e un altro non c’è mai la strada giusta ma solo quella più adeguata alle tue necessità.

Lo Shared Hosting può essere la soluzione migliore:

    • per siti statici o anche dinamici che non registrano particolari livelli di traffico o picchi
    • se cerchi una soluzione economica
    • se non hai bisogno di flessibilità e utptime elevati
    • se preferisci un modello di fatturazione completamente “flat”

 

Il Cloud Hosting invece può essere scelto prevalentemente:

      • per siti dinamici, hosting WordPress, e-commerce Magento o piattaforme Prestashop (solo a esempio) che registrano un numero discreto di utenti o momenti di picco di accessi simultanei
      • se cerchi una soluzione con un costo intermedio tra quello dello shared hosting e quello di un’infrastruttura cloud dedicata
      • se hai bisogno di resilienza tecnologica e garanzie di continuità di servizio
      • se vuoi maggiore sicurezza e protezione da intrusioni e malware
      •  

      In riferimento alle prestazioni, aggiungiamo solo che queste non dipendono solo dal tipo di web hosting – se shared o cloud – ma anche dal provider, che – nell’ambito dell’offerta condivisa – può decidere di ottimizzare attraverso l’overbooking o invece  offrire ai suoi utenti un ambiente in cui le risorse siano davvero a disposizione, senza penalizzazioni dovute all’eccesso di utenti sui medesimi server.

      Per il resto, tutto sta alle tue esigenze, ma se avessi bisogno di capire quale prodotto fa per te e se per esempio Cloud Hosting faccia al caso tuo o meno, non esitare a contattarci!

    CONDIVIDI SUI SOCIAL

    Condividi su linkedin
    Condividi su twitter
    Condividi su facebook
    Condividi su whatsapp
    Condividi su email

    Altri articoli da non perdere

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    + 9 = 10