Drupal 8 come muovere i primi passi: installazione CMS e moduli

Oggi passeremo al setaccio la nuova release del CMS Drupal, arrivato alla sua ottava revisione

Drupal è da sempre considerato uno dei CMS più affidabili e sicuri al mondo. Nonostante la sua ripida curva di apprendimento, che lo rende poco appetibile per i neofiti ma molto apprezzato dagli esperti del settore, rappresenta senza dubbio una soluzione altamente professionale.

Installare Drupal 8 in tre semplici step

Il primo passo da compiere per poter realizzare il nostro sito web in Drupal è senza dubbio quello di installarlo. La procedura di installazione è molto semplice e consta sostanzialmente di tre passaggi chiave

  1. Inserire i files di Drupal all’interno della web directory
  2. Creare un database, preferibilmente mySql
  3. Avviare lo script di installazione

I files di installazione di Drupal possono essere reperiti direttamente dal sito web del produttore, vale a dire Drupal.org

Scarichiamo dunque l’ultima versione (in questo momento la 8.2.6). Possiamo sceglierla nel formato .zip o tar.gz

Una volta scompattato l’archivio, non ci resta che caricare i files all’interno della root del nostro sito. Ora dovremo passare al secondo step, creare il database che si interfaccerà con Drupal. Per farlo ci avvaliamo di PhpMyAdmin.

Clicchiamo su “New” e creiamo un DB pulito, io lo chiamerò “my_drupal”.

Una volta creato il database, dovremo fare in modo di lanciare il setup di Drupal. Per farlo raggiungiamo il frontend del sito. Ci troveremo di fronte una schermata simile a questa

Non ci resta che seguire gli step di installazione, inserendo all’occorrenza i dati di accesso al database mySql precedentemente creato e verificando che tutti requisiti minimi richiesti vengano soddisfatti.

Terminata la procedura, avremo davanti il nostro sito Drupal. Ora non ci resta che customizzarlo per munirlo di tutte le funzioni di cui abbiamo bisogno, nonché di una veste grafica accattivante.

Installazione di Moduli e Temi su Drupal 8

Attraverso la procedura precedente abbiamo importato il core di Drupal all’interno del nostro sito web. Il passaggio seguente è quello di applicare un tema ed aggiungere moduli, ovvero funzionalità aggiuntive, alla nostra applicazione. Eseguiamo l’accesso nell’area admin di Drupal attraverso l’url:

www.miosito.com/user/login

Le credenziali sono quelle create in fase di installazione. Al momento, comunque, dovremmo già risultare loggati. Clicchiamo sulla voce di menù in alto “appearence”. Noteremo che il tema installato di default porta il nome di Bartik 8.2.6

Qualora non fosse di nostro gradimento, potremo cercarne un altro cliccando sulla voce: “Alternative themes are available”. Il link ci condurrà a questa pagina:

https://www.drupal.org/project/project_theme

Dove potremo scegliere il tema in base alle nostre esigenze, filtrando tra circa 2500 vesti grafiche diverse. Insomma, abbiamo l’imbarazzo della scelta. Facciamo solo attenzione a scegliere un tema che sia compatibile con la nostra versione di Drupal, per farlo ci basta selezionare dal menù a tendina “core compatibility” l’opzione 8.x

Clicchiamo su “search” ed andiamo a caccia di un tema che faccia al caso nostro

In questa demo installeremo il template “Mayo”.

Torniamo nel backend di Drupal e clicchiamo su “install new theme”.

Scegliamo di installare il tema direttamente tramite url, copiamo dunque il link del file tar.gz del tema relativo alla nostra versione di Drupal.

E lo incolliamo all’interno del campo “install from url” del nostro backend

Clicchiamo su “Install” e il gioco è fatto: il nostro tema è installato e pronto per essere utilizzato. Sempre dalla tab “appareance” applichiamo il tema preinstallato mayo, basta cliccare su “Install and set as default”

Recandoci nel frontend del sito web potremo ammirare la nuova grafica.

La procedura per l’installazione dei moduli è molto simile a quella utilizzata per installare il template. Dovremo recarci nella tab “extend”, anch’essa situata nella barra in alto proprio accanto ad “appareance”.

Qui troveremo il tasto “install new module” attraverso il quale potremo aggiungere funzionalità al nostro sito Drupal. Ma prima di installare un nuovo modulo, dovremo sceglierlo all’interno della directory di drupal. Clicchiamo dunque su contributed modules che aprirà un collegamento a
https://www.drupal.org/project/project_module

Inutile dire che le funzionalità di questa pagina sono le stesse di quella utilizzata per i temi. Anche qui potremo filtrare in base alle funzionalità e soprattutto alla compatibilità. Settiamo dunque la compatibilità su 8.x ed effettuiamo la ricerca.

Come possiamo notare, il sistema ci tirerà fuori qualcosa come 37.000 moduli. Un numero enorme, destinato ad aumentare esponenzialmente nel corso degli anni. Ovviamente non dovremo installare tutti i moduli, ma solo quelli che realmente utilizzeremo all’interno del nostro sito. La procedura di installazione è la stessa del tema. Per sommi capi la seguente: scegliamo un modulo della lista, copiamo l’url relativo alla versione in uso di Drupal, rechiamoci nel backend del nostro sito, tab “extend”, clicchiamo su install new module e inseriamo l’url precedentemente copiato, clicchiamo su install e il modulo verrà integrato all’interno del sistema.

Creazione di contenuti basici

Qualora tu stia creando un sito web di news, simile ad un blog, allora Drupal ha già fatto gran parte del lavoro per te. Drupal, infatti, nasce come CMS preconfigurato per la creazione di blog, non dovrai fare altro che creare articoli e sezioni.

Per creare contenuti di base ci basta avvalerci della tab “Content” che vi condurrà in una visualizzazione molto intuitiva in cui poter scegliere tra la creazione di un articolo o di una pagina a seconda delle nostre esigenze

L’articolo rappresenta sostanzialmente un vero e proprio articolo di blog, comprensivo di funzionalità aggiuntive come commenti.

La creazione dello stesso è davvero molto intuitiva, Drupal ci mette a disposizione un pratico editor di test e opzioni avanzate (che troveremo nella parte destra della pagina) per customizzare aspetti come url e opzioni SEO.

La finestra di creazione delle “basic page” differisce da quella di creazione di un articolo per l’assenza della possibilità di inserire un immagine e associare tags. Sono assenti, inoltre, le impostazioni relative ai commenti poichè una pagina è per sua natura priva di uno spazio per lasciare commenti essendo considerata come un elemento strutturale del sito web.

Attraverso la creazione di Articoli e Pagine abbiamo tutto il necessario per la creazione di un sito web vetrina o di un semplice blog.

Ovviamente sono molte le funzionalità che Drupal mette a disposizione, in questa guida abbiamo visto assieme come muovere i primi passi e come configurare un ambiente robusto per lo sviluppo di siti web decisamente più complessi. Ora sta a voi armarvi di pazienza, rimboccarvi le maniche, sperimentare e provare a creare un fantastico sito Drupal!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Accedi

Registrati | Password dimenticata?