Youreporter vince con il video giornalismo partecipativo

Il caso di successo di YouReporter in occasione degli ultimi eventi di Brindisi e dell’Emilia

Ieri, domenica 20 maggio, in occasione degli eventi di Brindisi e dell’Emilia, il sito http://www.youreporter.it, noto portale di informazione online ospitato sui nostri Cloud, ha registrato dei dati interessanti che vorremmo segnalarvi:

  • 808’000 video visualizzati
  •  1’152 GBytes complessivi di traffico.
  • 6.5 per mille degli accessi in IPv6

Gli accessi IPv6 registrati ieri provenivano quasi essenzialmente dal provider francese FREE e – meno – dal provider rumeno RCS& RDS SA e da altri, per un totale di circa 50 reti IPv6.

Queste le parole di Angelo Cimarosti di YouReporter:  “Quando abbiamo fatto nascere il sito nel 2008 con Luca Bauccio, Stefano De Nicolo e Alessandro Coscia ci auguravamo di diventare una piattaforma utile della coindivisione di notizie generate dai cittadini. Con il tempo ci siamo sempre più resi conto che YouReporter.it stava diventando un sito vitale come fonte per veicolare informazioni nelle emergenze, eventi che coinvolgono decine di migliaia di cittadini contemporaneamente, laddove i media mainstream non riescono ad arrivare nelle prime ore. Per questo è necessario sviluppare un’infrastruttura sempre più complessa ed affidabile“.

L’infrastruttura tecnica su cui poggia il portale fa un intenso uso delle tecnologie cloud di Seeweb. In particolare, il “Cloud Server” viene usato per i server web e database, il “Cloud Streaming” e il “Cloud Object Storage” invece per il servizio di streaming e di archiviazione dei filmati. A potenziare le perfomance di questa cloud infrastructure ci sono, opportunamente configurate, delle “Cloud Appliance Web Accelerator” che forniscono la cache dei contenuti e distribuiscono il carico tra i nostri datacenter.

Infratruttura Cloud www.youreporter.it

5 commenti a Youreporter vince con il video giornalismo partecipativo

  1. Marco Affinito ha detto:

    Molto interessante, in effetti quasi un milione di video in 24 ore è veramente un dato notevole.
    Una domanda: il “performance boost cache” cos’è? Sul vostro sito non ne trovo traccia.

    Ho poi una curiosità: ma Youreporter è una startup o ha dietro qualche editore?

  2. Chiara ha detto:

    Salve,
    il performance boost cache è il Web Accelerator, ne trova dettagli qui:
    http://www.seeweb.it/cloudappliance/1. Sul blog anche una breve presentazione: http://blog.seeweb.it/web-accelerator/
    Ulteriori dettagli li potrà avere contattando il numero verde.
    Per quanto riguarda Youreporter, è un nostro cliente da diversi anni.

  3. Danilo ha detto:

    Complimenti per il vostro servizio, ho appena portato tutto su cloud, con due server appliance e un db server con l’accelerator di cui parlate in questo articolo, e devo dire che finora mi sono trovato molto bene. I costi sono onesti rispetto alla qualità della macchina e alla disponibilità dell’assistenza. Continuate così.

  4. Marco Affinito ha detto:

    Credo sia meglio chiamare le cose sempre con lo stesso nome altrimenti si genera una certa confusione.

  5. Chiara - Seeweb ha detto:

    @Marco Affinito: In realtà la definizione di “perfomance boost cache” è afferente al server, e comunque la si trova solo sui grafici, a segnalare la cache “fisica”, quella che permette di agire da web accelerator. D’altro canto, “Web accelerator” è il prodotto commerciale, per così dire, che svolge quella funzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Accedi

Registrati | Password dimenticata?