Trasformazione digitale: i risultati della ricerca dell’Osservatorio Cloud

Trasformazione Digitale: il mercato Cloud in Italia La trasformazione digitale è un fenomeno sempre più pervasivo e, per essere competitive, le aziende devono adeguare i loro processi ai nuovi trend tecnologici

In che modo il Cloud, in particolare il modello del Platform as a Service (PaaS), abilita alla trasformazione digitale? Qual è lo stato di diffusione del Cloud Pubblico in Italia e quali i relativi benefici percepiti dalle aziende? Quali sono gli impatti del Cloud in termini di evoluzione dei servizi? Quali sono gli impatti del nuovo regolamento europeo sulla protezione dei dati sulle strategie Cloud aziendali? A queste e a molte altre domande si è risposto durante la settima edizione del convegno dell’Osservatorio Cloud & ICT as a Service.

La ricerca,“Cloud Transformation: un PaaS per il futuro”, presentata a Milano presso il Campus Bovisa, ha analizzato nel dettaglio l’evoluzione dell’offerta e i modelli di adozione di tale soluzione nelle aziende di grandi, medie e piccole dimensioni.

Cloud Computing e trasformazione digitale

Trasformazione Digitale: la percezione del cloud pubblico per aziendeFin dall’inizio il cloud si è posto come fattore abilitante alla digital trasformation introducendo nuove tecnologie, competenze e modalità di lavoro. Durante il convegno sui risultati della ricerca dell’Osservatorio Cloud & ICT as a Service, sono state esplorate alcune peculiarità offerte dal Cloud, il livello di maturità delle aziende italiane e l’importanza di un modello di tipo PaaS nella strategia Cloud aziendale.

Ad oggi, Il Public & Hybrid Cloud valgono 978 milioni di €, in crescita del 24%. Nel 2017 il mercato del Cloud sfiora i 2 miliardi di € crescendo del +18% rispetto allo scorso anno. «Siamo di fronte a quella che può essere definita una migrazione massiva verso il Cloud da parte di tutte le aziende», afferma Stefano MainettiResponsabile Scientifico dell’Osservatorio Cloud & ICT as a Service del Politecnico di Milano, lo scorso 4 ottobre.

A guidare l’innovazione ci sono i settori manifatturiero (24%) interessato dalle evoluzioni relative al piano Industria 4.0, bancario (20%), che spinge in maniera decisa verso la razionalizzazione delle infrastrutture e i servizi in Cloud, seguiti da telco e media (15%), caratterizzati da un percorso di progressivo arricchimento dell’offerta di servizi digitali e utility oil & gas (10%), che portano avanti numerosi progetti di trasformazione digitale.

Tra le criticità principali che frenano l’adozione di soluzioni Cloud ci sono l’integrabilità degli applicativi con i Sistemi Informativi interni e le tematiche della sicurezza e della compliance dei servizi.

«Lo scorso anno il Cloud ha raggiunto quella che può essere definita l’età della ragione, con il concretizzarsi di rilevanti progetti di trasformazione nel Public Cloud per le infrastrutture critiche e la specializzazione dell’offerta di servizi verticali e “core” rispetto alle esigenze delle organizzazioni», afferma Alessandro Piva, Direttore dell’Osservatorio Cloud & ICT as a Service del Politecnico di Milano. «Quest’anno, con il progressivo affermarsi di nuovi trend dell’innovazione digitale e il loro forte impatto sui modelli di business aziendali, per il Cloud si profila una nuova sfida: essere la piattaforma abilitante per la trasformazione digitale. Oggi il mercato è dinamico e ricco di opportunità e di sfide sia per i player dell’offerta, che vivono un contesto competitivo globale, che per le aziende utenti, che cercano nel digitale la possibilità di innovare prodotti e servizi. Il Cloud è un ecosistema ricco di servizi che possono essere interconnessi in infiniti modi per la creazione di valore: ripensare il modello di fruizione delle tecnologie non è più solo una scelta legata alla convenienza economica ma diventa un fattore critico per la competitività stessa».

Un PaaS per il futuro: lo stato di adozione e la spesa in Public & Hybrid Cloud

Trasformazione Digitale: la spesa del Cloud PubblicoIl Cloud non conosce crisi, come dimostrano i dati di mercato che proiettano il mercato globale a poco meno di 100 miliardi di dollari per il 2017, con un tasso di crescita del 26%.

«Rappresenta una leva formidabile per il continuo miglioramento. In Italia oggi il 42% dei CIO e dei Responsabili Innovazione afferma di utilizzare il Cloud in quanto è considerato un plus per gestire in modo dinamico i servizi e per introdurre in modo rapido tecnologie innovative allo stato dell’arte», continua  Stefano Mainetti.

Con riferimento all’area geografica, il centro accelera rispetto allo scorso anno, divenendo l’area con maggiore adozione, seguita da vicino da nord est e nord ovest. Il sud e le isole rimangono ancora attardati con una diffusione mediamente più bassa del 10%. L’intensità di spesa, misurata come percentuale della spesa IT dedicata al Cloud, risulta, in continuità con lo scorso anno, più elevata nel nord ovest, seguita dal centro, dal nord est ed infine dal sud e isole.

In conclusione, la crescita di spesa rispetto al 2016 risulta particolarmente robusta nelle aziende del centro, seguite dal nord ovest e dal sud, mentre nel nord est si assiste ad una fase di assestamento, con tassi di crescita più contenuti.

Tra le maggiori novità di quest’anno e i più alti tassi di crescita (+45%) c’è quello che riguarda i servizi di Piattaforma (PaaS): tra quelli più diffusi vi sono i database e data service ed i servizi a supporto dello sviluppo mobile e web.

servizi applicativi (SaaS) consolidano la propria crescita (+23%) grazie all’ulteriore accelerazione nell’adozione di servizi di office automation e posta elettronica, arrivati a penetrare un’azienda su due nelle grandi organizzazioni, così come di servizi a supporto della gestione risorse umane ed e-learning (gestione documentale, firma elettronica).

Fra i servizi infrastrutturali (IaaS), nonostante il tasso di crescita più contenuto (+20%) si segnala un’ulteriore diffusione dei servizi rispetto al 2016, con l’ambito della continuity & disaster recovery in testa (20%) nelle intenzioni di investimento.

Nessun Commento

Scrivi un Commento:

*

Accedi

Registrati | Password dimenticata?