Come rendere WordPress multilingua?

Breve guida per creare e gestire un sito WordPress multilingua

Avere un sito è importante, poterlo promuovere in tutto il mondo lo è ancora di più. E quale modo migliore se non quello di tradurlo in varie lingue? Vediamo insieme come rendere un sito WordPress multilingua.

Per prima cosa avremo bisogno delle traduzioni, ma questo è un altro aspetto della realizzazione di un sito web multilingua; In questo articolo infatti, ci soffermeremo sugli aspetti tecnici e su come implementare in modo corretto le funzionalità di cui abbiamo bisogno all’interno del nostro sito WordPress.

Il processo di internazionalizzazione consiste sostanzialmente nel riuscire a rendere disponibili traduzioni dei nostri contenuti, del nostro template e di ogni singolo plugin situato all’interno del sito web che stiamo sviluppando. Oggi vi forniremo tre soluzioni, probabilmente le più utilizzate dagli sviluppatori, sarete voi alla fine a tirare le somme e scegliere quella che più si avvicina alle vostre esigenze

Come fare il backup WordPress con l’aiuto dei plugin

Oggi analizzeremo da vicino un aspetto fondamentale in tema di sicurezza: stiamo parlando del backup WordPress

La sicurezza di un sito WordPress è forse uno degli aspetti maggiormente sottovalutato dai webmaster. Proteggere i dati significa garantire maggiori sicurezze ai propri utenti oltre che a se stessi. Vedremo insieme come eseguire dei backup WordPress automatici e schedulati per mettere al sicuro i dati da possibili errori di programmazione e da attacchi da parte di malintenzionati.

Quali sono i dati da tenere al sicuro?

Nulla va lasciato al caso, ogni singolo file può essere oggetto di errori, ragion per cui è importante avere a portata di mano una copia del nostro sito perfettamente funzionante da poter ripristinare facilmente all’occorrenza. Naturalmente non tutti i files rivestono la stessa importanza: in soldoni non tutte le componenti del sito sono vitali per il suo corretto funzionamento.

Ecco perché abbiamo stilato una lista di ciò che è fondamentale mettere al sicuro.

WordPress e Drupal a confronto: è tempo di fare chiarezza

Quale CMS scegliere per il proprio sito web: WordPress o Drupal?

Quando si decide di avviare un’attività sul web, che sia un blog o un sito web, ci si imbatte nella scelta del CMS. Sul mercato ne esistono migliaia ma in questo articolo, ci concentreremo sui più diffusi: WordPress e Drupal.

Vedremo nel dettaglio i pro e i contro di entrambi i CMS e analizzeremo in quale situazione è meglio utilizzare l’uno piuttosto che l’altro.

WordPress VS Drupal: pro e contro

Entrambe le piattaforme sono open source e quindi totalmente gratuite.

WordPress è il CMS più popolare al mondo ed è utilizzato da più del 40% dei siti web. Nato inizialmente per il blogging, oggi ha esteso le sue potenzialità diventando una piattaforma ideale anche per i siti web di piccole/medie dimensioni.

Tra i punti i forza ci sono:

  • facilità di installazione (eseguibile nei “famosi” 5 minuti)
  • estrema personalizzazione grazie ai plugin
  • semplicità di utilizzo
  • URL ottimizzati per i motori di ricerca
  • interfaccia user-friendly
  • pannello di controllo e amministrazione per dispositivi mobili e tablet.

Novità dal mondo Plesk: così sviluppare diventa più semplice!

plesk-onyxPlesk Onyx e le nuove edition di Plesk facilitano il lavoro dei professionisti del web

Da sempre proponiamo, in abbinamento alle soluzioni Shared, Cloud e dedicate, uno strumento efficacissimo per la gestione dei propri piani di hosting: il pannello Plesk.

Validissimo supporto per configurare con semplicità siti e relativi servizi email, database e DNS, Plesk permette di aggiungere nuovi servizi in qualsiasi momento e oggi si presenta con tante novità utili a facilitare il lavoro dello sviluppatore. La più recente tra tutte, il rilascio di Plesk Onyx (22 ottobre scorso), che permette agli amministratori di sistema e agli sviluppatori di risparmiare tempo grazie all’integrazione con GIT, Docker e molto altro. Permettendo all’utente di personalizzare il design dell’interfaccia browser-based a seconda delle sue preferenze.

Le novità di Plesk

Tra le novità disponibili con Plesk Onyx, la semplificazione della user experience, funzionalità di “auto-riparazione” che aiutano a risolvere molti problemi senza ricorrere a un supporto esterno, possibilità di aggiornamenti installabili sia manualmente sia automaticamente. Inoltre, possibilità di gestire in modo centralizzato più istanze di WordPress e altri CMS, MagicSpam per un filtraggio semplice e sicuro delle email, disponibilità di  micro aggiornamenti automatici di sicurezza che si possono estendere in un solo click a tutti i domini selezionati e indicatori relativi alla sicurezza delle password impostate.

Accedi

Registrati | Password dimenticata?