Seeweb e i premiati di CloudSeed: Marco Rinelli parla di StructsLab

Eccoci giunti all’ultima intervista ai vincitori del contest CloudSeed, con la parola a Marco Rinelli, socio fondatore di StructsLab, progetto che si è aggiudicato il premio in servizi cloud. Ecco un breve sunto della video intervista che trovate in versione integrale in fondo all’articolo e nel nostro canale di youtube.

S. – Parlaci di te e dei soci

M. – Io sono Marco Rinelli e insieme ad Alessandro Nanni e Federico Ardito sono uno dei fondatori della RAN Innovation Srl, società di ingegneria integrata e uno dei progetti che abbiamo messo in piedi è proprio StructsLab.

S. – Spiegaci che cosa è StructsLab

M. – E’ un progetto che nasce dalla fusione delle nostre specializzazioni: ingegneria informatica, ingegneria delle automazioni ed edile.

Insieme è nata l’idea di supportare la progettazione di strutture lato web e attraverso il cloud.

S. – Come avete incontrato CloudSeed?

M. – Attraverso Leo Sorge, con cui ero entrato in contatto per altri lavori sempre su cloud. In una di queste occasioni mi ha presentato CloudSeed.

S. – Quali i vantaggi del cloud nel vostro caso?

M. – Durante la progettazione di strutture si ha bisogno di gestire una grossa mole di calcoli e di valutazioni; inoltre c’è anche una parte di grafica,  abbiamo bisogno di molti tool che girino direttamente sul server. CloudSeed, poi, ci ha dato uno slancio ulteriore verso la scelta del cloud!

S. – Come gestirete il premio in servizi cloud?

M. – StructsLab è in fase di progettazione, ma alcune scelte tecnologiche sono già state fatte. La nostra è una formazione Microsoft e la nostra idea è puntare sull’infrastruttura di Seeweb per poter sfruttare al massimo le potenzialità. Pensiamo quindi a dei cloud server Windows, e dei servizi Microsoft orientati alla collaborazione tra aziende come “Sharepoint”.

S. – Come pensi sarà il futuro del progetto?

M. – Di qui a un anno crediamo di poter lanciare la prima release. Ci stiamo integrando con vari partner – La Sapienza, Roma3, e con chi si occupa di strutture – e vorremmo uscire nel momento topico del panorama italiano. A febbraio/marzo usciranno infatti nuove normative sulla progettazione edilizia.

Auguri quindi anche a StructsLab, con cui chiudiamo il ciclo di interviste CloudSeed e cui auguriamo di trarre dalla nostra struttura cloud il massimo vantaggio!

Con l’estate l’hosting di Seeweb si rinnova

Nuova veste per i prodotti di fascia entry,  senza cambiare costo e qualità

Sul sito da oggi c’è un’altra novità. Avremmo voluto presentarla prima, ma siamo stati presi dalla nuvola, nonché dalle espansioni dei nostri datacenter. Oggi però ci siamo, e ve li presentiamo, questi nuovi Shared.
Non abbiamo creato nuovi e altisonanti nomi, no: “Shared Hosting” resterà l’etichetta dei nostri spazi di fascia entry. Quello che cambia sono un po’ di novità che sicuramente renderanno la vita più facile all’utente. Per prima cosa, uno spazio disco più generoso, e poi tutta una serie di strumenti che permetteranno di veicolare su questo hosting anche siti web “importanti”. Il prodotto, sia in versione Linux che Windows, offre infatti la possibilità di configurare fino a 5 domini, controllandone appieno tutte le funzionalità da un unico pannello di controllo. Con Shared Hosting si potrà accedere da qualsiasi postazione all’area di amministrazione del proprio spazio web avendo per ogni utenza un proprio IP dedicato (Ipv4 e Ipv6) e potendo gestire in completa autonomia account, alias, database MySql, mailing list; saranno configurabili inoltre cronjob pianificati e anche su Windows ci sarà Php e MySql. Tutti i dettagli sono già a disposizione sul sito, con la tranquillità di una new entry che però non vede cambiare la qualità di sempre né il prezzo.

Accedi

Registrati | Password dimenticata?