Anatomia di un attacco Botnet

botnetAnche Internet ha un lato oscuro, una sorta di underground, popolato da milioni di droni, governati da hacker pronti a impartigli comandi e a scagliargli contro qualsiasi bersaglio: sono le botnet.

Ogni botnet è costituita da un gruppo di computer, cui fanno parte sia gli “Home PC” che i server aziendali, infettati da un malware capace di comunicare con un’unità centrale, gestita da uno o più cyber criminali.

Il contagio dei dispositivi che compongono la botnet, detti anche “zombie”, “droni”, o più comunemente “bot”, avviene generalmente tramite worm ricevuti via posta elettronica, oppure navigando su siti web vettori di malware, violati sempre più spesso sfruttando vulnerabilità di CMS noti, come Joomla o WordPress.

Le botnet vengono utilizzate per diverse attività, ad esempio l’inoltro di email di spam, brute-forcing, e spesso sono l’unico modo per eseguire attacchi dDoS la cui potenza è in grado di bloccare i colossi di Internet, come GitHub, reso offline lo scorso 26 Giugno a causa di un dDoS durato oltre 24 ore.

Accedi

Registrati | Password dimenticata?