Servizi Cloud per aziende: da «Mi interessa il Cloud?» a «Quali vantaggi?»

Servizi Cloud per aziendeServizi Cloud per aziende, dalla possibilità di ridurre costi di manutenzione e consumi energetici a occasione unica di vantaggio competitivo

«Cloud means that there is no need to continuously pay for resources that are not needed.» Si dice che il Cloud stia liberando tutto quel denaro che, fino a pochi anni fa, era “intrappolato” nella legacy IT. Tanti sono, infatti, gli sprechi che ogni anno incidono negativamente sul bilancio finale. Costi che, con le nuove tecnologie, possono essere significativamente ridotti.

Quando si parla di servizi Cloud per aziende, ci si riferisce a prodotti altamente scalabili, performanti e affidabili. Parlare di Cloud significa quindi parlare di una tecnologia che per funzionare correttamente non ha bisogno di continuare a usufruire di risorse che non sono necessarie (fonte).

Oggi le aziende sono sempre alla ricerca di nuovi modi per ottimizzare i propri prodotti e servizi riducendo le spese operative. Il Cloud, insieme all’automazione e agli oggetti sempre connessi dell’Internet Of Things, fa parte di quelle tecnologie che stanno rivoluzionando le aziende.

Rappresenta la grande opportunità per tutte quelle società che desiderano mantenere un vantaggio competitivo sul mercato globale. La scelta dei servizi Cloud per aziende viene favorita anche, e soprattutto, per il fatto che tale tecnologia è altamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico che di prezzo. Abbiamo detto più volte quanto le soluzioni dedicate abbiano costi maggiori relativi all’acquisto del dispositivo tecnologico, che nel giro di pochi mesi sarà obsoleto. Inoltre, adottare sistemi di Industria 4.0, significa essere in grado di controllare e gestire in tempo reale la quantità di elettricità utilizzata dall’impianto.

Pay as you Growth. È sicuramente uno dei primi vantaggi dei servizi Cloud. Permette ai clienti di usufruire di determinate potenze di calcolo in base alle esigenze del momento.

Seeweb e i premiati di CloudSeed: Marco Rinelli parla di StructsLab

Eccoci giunti all’ultima intervista ai vincitori del contest CloudSeed, con la parola a Marco Rinelli, socio fondatore di StructsLab, progetto che si è aggiudicato il premio in servizi cloud. Ecco un breve sunto della video intervista che trovate in versione integrale in fondo all’articolo e nel nostro canale di youtube.

S. – Parlaci di te e dei soci

M. – Io sono Marco Rinelli e insieme ad Alessandro Nanni e Federico Ardito sono uno dei fondatori della RAN Innovation Srl, società di ingegneria integrata e uno dei progetti che abbiamo messo in piedi è proprio StructsLab.

S. – Spiegaci che cosa è StructsLab

M. – E’ un progetto che nasce dalla fusione delle nostre specializzazioni: ingegneria informatica, ingegneria delle automazioni ed edile.

Insieme è nata l’idea di supportare la progettazione di strutture lato web e attraverso il cloud.

S. – Come avete incontrato CloudSeed?

M. – Attraverso Leo Sorge, con cui ero entrato in contatto per altri lavori sempre su cloud. In una di queste occasioni mi ha presentato CloudSeed.

S. – Quali i vantaggi del cloud nel vostro caso?

M. – Durante la progettazione di strutture si ha bisogno di gestire una grossa mole di calcoli e di valutazioni; inoltre c’è anche una parte di grafica,  abbiamo bisogno di molti tool che girino direttamente sul server. CloudSeed, poi, ci ha dato uno slancio ulteriore verso la scelta del cloud!

S. – Come gestirete il premio in servizi cloud?

M. – StructsLab è in fase di progettazione, ma alcune scelte tecnologiche sono già state fatte. La nostra è una formazione Microsoft e la nostra idea è puntare sull’infrastruttura di Seeweb per poter sfruttare al massimo le potenzialità. Pensiamo quindi a dei cloud server Windows, e dei servizi Microsoft orientati alla collaborazione tra aziende come “Sharepoint”.

S. – Come pensi sarà il futuro del progetto?

M. – Di qui a un anno crediamo di poter lanciare la prima release. Ci stiamo integrando con vari partner – La Sapienza, Roma3, e con chi si occupa di strutture – e vorremmo uscire nel momento topico del panorama italiano. A febbraio/marzo usciranno infatti nuove normative sulla progettazione edilizia.

Auguri quindi anche a StructsLab, con cui chiudiamo il ciclo di interviste CloudSeed e cui auguriamo di trarre dalla nostra struttura cloud il massimo vantaggio!

Ecco chi sono i vincitori di Cloud Seed

Si è concluso ieri Cloud Seed, il concorso dedicato alle startup che sfruttano la tecnologia cloud.

Sono stati assegnati tre premi in denaro e uno in servizi.

Primo posto (grant da 15 mila Euro): Baas Box, backend as a service  per le App mobili, ideato da Claudio Tesoriero e Federico Pacilli.

Secondo posto (sempre grant da 15 mila euro): Fattura Sprint, di Alessandro Berbenni e Luigi Zanderighi.

Terzo posto (grant da 10 mila euro): Way4Spot, di Alessandro Ingala e Michele Preziosi, che già avevano ben figurato ad Innovaction Lab.

 StructsLab di Marco Rinelli, Federico Ardito e Alessandro Nanni ha invece vinto un premio in servizi. Servizi cloud, ovviamente, immaginando che li possano supportare nello sviluppo del loro portale per il supporto all’intero ciclo di realizzazione di strutture.

Abbiamo trovato interessanti anche altre proposte, che in questo specifico contest non rientravano nella nostra “griglia” ma che ci siamo ripromessi di incontrare e delle quali avremo modo di parlare molto presto.

Galleria fotografica dell’evento.

[AFG_gallery id=’12’]

 

 

 

 

 

 

Accedi

Registrati | Password dimenticata?