Seeweb Hacking Contest: intervista ai finalisti

HackingContest Vincitori-RecuperatoDavide, Gianfranco e Gabriele sono i nomi dei tre finalisti del Seeweb Hacking Contest Blackout Resurrection, per l’occasione gli abbiamo fatto qualche domanda.

Visto il successo dello scorso Hacking Contest operazione Di4m0nd, qualche settimana fa abbiamo pensato di lanciare una nuova sfida agli hacker italiani. In meno di due settimane abbiamo ricevuto centinaia di email con molte soluzioni brillanti e alcune davvero creative.

Come spiegato da regolamento, abbiamo preso in considerazione solo le email dei primi utenti che ci hanno inviato un’unica soluzione in riferimento ad un unico obiettivo. Davide, Gianfranco e Gabriele sono riusciti a portarsi a casa il Lego Mindstorms, le cuffie Bose e il 3D Cubo Led.

Non abbiamo perso l’occasione di fare qualche domanda per entrare ancor di più nel mondo undergroud degli Hacker.

Seeweb Hacking Contest: trova le Easter Egg

Seeweb Hacking ContestSeeweb Hacking Contest Blackout Resurrection speciale Easter Egg

L’Hacking Contest Blackout Resurrection è iniziato da poche ore e sono già arrivate tante soluzioni, alcune delle quali davvero creative. 🙂

In molti si sono divertiti a trovare un Easter Egg lasciata all’interno del server. Dal momento che questa cosa ha avuto un certo seguito abbiamo pensato di nascondere tre nuove Easter Egg.

Come per il contest può partecipare chiunque, anche chi ha già inviato la mail con la soluzione.

Trovate le tre Easter Egg e inviateci una email all’indirizzo: seewebcontest@gmail.com, ai primi tre invieremo una sorpresa.

HackInBo 2015: 4° edizione dell’evento sulla sicurezza informatica

Visto il successo delle ultime edizioni, quest’anno l’HackInBo prevede due intere giornate dedicate alla sicurezza informatica all’interno delle quali esperti del settore affronteranno tematiche legate alla Cyber Security e ai Cyber Attack.

L’evento organizzato da Mario Anglani giunto alla 4° edizione, fin da subito ha riscosso un notevole successo tanto da essere collocato tra le manifestazioni da non lasciarsi sfuggire in ambito sicurezza. Come per le scorse edizioni, l’HackInBo 2015 che si svolgerà presso l’Auditorium Enzo Biagi della Sala Borsa di Bologna sarà totalmente gratuito e rappresenterà un’occasione unica per parlare e incontrare esperti di sicurezza informatica e per aggiornarsi sulle ultime tematiche riguardanti l’IT- Security. Abbiamo fatto qualche domanda a Mario su curiosità e inediti relativi all’evento.

Seeweb Hacking Contest: speciale “falle di sicurezza”

Hacking Contest speciale falle di sicurezzaDall’Hacking Contest all’intervista: Abdel Adim Oisfi ci parla di falle di sicurezza.

A dicembre abbiamo lanciato l’Hacking Contest operazione Di4m0nd e abbiamo avuto modo di conoscere degli esperti di sicurezza informatica ai quali abbiamo deciso di fare qualche domanda su questioni che interessano sia aziende che privati. Per l’occasione Abdel, che lavora nel campo della sicurezza informatica e dello Sviluppo Web presso Shielder, ci parla di falle di sicurezza. Secondo il rapporto annuale di sicurezza realizzato da Cisco, c’è un divario sempre maggiore tra la percezione che hanno le aziende della propria sicurezza informatica e la realtà.

Le organizzazioni dovrebbero adottare un approccio di tipo collettivo per difendersi dagli attacchi informatici in quanto i cosiddetti black hat sono sempre più abili nello sfruttare a proprio vantaggio lacune nella sicurezza e a nascondere le loro attività. La protezione delle reti aziendali è un tema della massima importanza e delicatezza, occorre infatti migliorare l’approccio alla protezione delle aziende.

Come afferma Jhon N. Stewart, senior vice president di Cisco: “Un tempo ci preoccupavamo degli attacchi DoS, oggi della distruzione dei dati. Una volta ci preoccupavamo del furto degli indirizzi IP, oggi del fallimento dei servizi critici. I nostri avversari sono sempre più abili, sfruttano le nostre debolezze e nascondo i loro attacchi in bella vista. La sicurezza deve fornire protezione per tutta la durata di un attacco e la tecnologia è progettata proprio per questo scopo. I servizi online devono essere pensati con questo tipo di reattività, e tutto ciò deve essere fatto adesso con l’obiettivo di proteggere il nostro futuro”.

Accedi

Registrati | Password dimenticata?