Seeweb racconta l’OpenStack in Action 5

Marco Cristofanilli all'OpenStack

Marco Cristofanilli, Seeweb

OpenStack in action è un evento dedicato ad OPS (OpenStack ndr) di respiro internazionale che si tiene tutti gli anni a Parigi. Nell’edizione di quest’anno Seeweb era presente con una sua delegazione.

Come azienda che fa dell’applicazione delle nuove tecnologie, in particolare di quelle cloud, la propria ragion d’essere, Seeweb segue da vicino OpenStack fin dagli albori del progetto. Eventi come questo servono ad incontrare i maggiori esperti del settore (quasi tutti contributori diretti al codice di OPS) per fare il punto della situazione e tracciare le linee guida per gli sviluppi futuri. Segue un piccolo resoconto degli spunti più interessanti emersi dai talk che si sono succeduti.

Nick Barcet (fondatore di Ceilomenter, il sistema per tracciare i consumi in OPS) solleva provocatoriamente una questione centrale ed ancora non compresa appieno da molti: OPS non è un prodotto, è una tecnologia e non sarà quindi mai pronto per le aziende di per sé. È invece lecito chiedersi se le aziende siano pronte per OpenStack. La leva dei costi di licenza abbattuti non dovrebbe essere la sola motivazione della scelta, questi ultimi infatti rappresentano solo un parte marginale dei costi affrontati. Le motivazioni che dovrebbero portare ad optare per OPS sono:

  • possibilità di dividere con altri player costi di sviluppo;
  • possibilità di adattare il codice alle proprie esigenze;
  • sicurezza, grazie al controllo che si può esercitare;
  • standardizzazione di formati, protocolli e processi.

Accedi

Registrati | Password dimenticata?