Intervista al NaMeX sul primo IXP neutrale dell’Albania

NaMeX ha collaborato alla creazione del primo IXP neutrale in Albania. Paese che pullula di ISP e dalle grandi potenzialità

Daniele Arena, project manager at NaMex

Partiamo da Roma, e dal NaMeX, il secondo Internet Exchange Point in Italia. Che, con i suoi circa 40 Gbps di traffico dati pubblico, promuove e favorisce l’interconnessione tra le reti. E atterriamo a Tirana, una metropoli moderna dove c’è molto fermento: età media giovane, tanta voglia di fare, studiare, riscattarsi, zero burocrazia per le aziende. E che, per la sua ubicazione geografica (l’affaccio sull’Adriatico e sull’Europa), ha grandi potenzialità di crescere come un vero e proprio Hub dei Balcani.

Questo è un momento storico positivo per l’Albania. E per chi pensa che offra opportunità di investimento.
Tecnologicamente parlando, l’Albania è un ambiente ricco di ISP ma allo stesso tempo con un unico IXP, ALB-IX, tra l’altro non neutrale.

Fino a questo autunno, in realtà. Perché il NaMeX ha voluto creare un punto di interscambio neutrale proprio a Tirana e a novembre ci sarà i taglio del nastro.
In qualità di consorziati del NaMeX, noi di Seeweb siamo molto contenti di questo grande passo verso l’innovazione, anche in virtù della nostra naturale predilezione per una Internet neutrale, che possa supportare il Paese nella diffusione della conoscenza e della cultura, tecnologica e non.
Non a caso il progetto nasce proprio dalla collaborazione tra NaMeX e RASH, l’Academic Network dell’Albania, che ha l’obiettivo di migliorare la rete delle Università e gli strumenti tecnologici a disposizione di docenti e studenti.
Daniele Arena, project manager NaMeX, ci ha raccontato qualcosa in più sulla genesi e sugli obiettivi di questo bel progetto.

NaMeX Meeting 2016: intervista video ad Antonio Baldassarra

Si è tenuto il 15 giugno a Roma, l’annuale NaMeX Meeting giunto ormai alla decima edizione

Il NaMeX Meeting è uno degli eventi a invito più attesi dell’anno. Partecipano  gli operatori  nazionali e internazionali e personalità del mondo Internet e istituzionale. Lo scopo è quello di far incontrare le persone coinvolte professionalmente nello sviluppo di internet, creando un’occasione di discussione sugli argomenti di attualità e di maggior interesse del mondo internet e dei punti di interscambio.

A quello di quest’anno hanno partecipato più di 160 esperti che, come ogni anno, si sono ritrovati per discutere di alcuni temi di attualità che riguardano lo sviluppo della rete Internet in Italia e nel mondo e l’evoluzione dei punti di interscambio in un contesto tecnologico e infrastrutturale in continuo cambiamento.

Namex Meeting 2016 decima edizione

In particolare, durante il NaMeX Meeting 2016 si è discusso del ruolo di Roma nella ridondanza geografica dell’infrastruttura di rete nazionale e internazionale, dei recenti sviluppi del cloud computing e del loro impatto sull’evoluzione dei punti di interscambio.

La giornata si è aperta con un breve aggiornamento sui nuovi progetti di Namex; si è proseguito poi parlando delle ultime novità legate alla strategia europea per il Mercato Unico Digitale. Nella seconda parte si è affrontato il discorso del Cloud con uno sguardo particolare alle soluzioni di Hybrid Cloud che stanno prendendo piede in maniera importante nel mercato IT.

NaMeX e TOP-IX insieme per la banda ultra larga in Italia

Parte dalla Sicilia il ponte nato dal servizio IXPConnect che collega l’area del Mediterraneo, Medio Oriente e Asia.

I due principali Internet Exchange Point italiani (IXP), NaMeX e TOP-IX, sono uniti da un nuovo servizio: IXPConnect. Tra gli obiettivi prefissati c’è quello di favorire la connessione della rete Internet dei paesi emergenti con la rete italiana offrendo in questo modo nuove opportunità di sviluppo locale della rete al fine di migliorare la connettività complessiva sia all’interno che all’esterno del nostro paese.

Maurizio Goretti (General Manager NaMeX) e Luca Cicchelli (Internet Exchange Manager TOP-IX) ci raccontano i dettagli e i vantaggi del progetto.

«Questa operazione mette assieme due IXP Italiani verso un obiettivo comune: quello di fare la nostra parte per favorire la diffusione della Banda Ultra Larga in Italia.

Abbiamo realizzato un servizio, IXPConnect, che permette agli Internet Service Provider (ISP) locali di interconnettersi ai grandi punti di accesso neutrale alla rete internet di Roma e di Torino dai propri territori di origine. E’ un servizio che quasi tutti noi IXP facciamo già singolarmente ma che, per la prima volta nel nostro settore, vogliamo provare a mettere a fattor comune in modo da aumentarne l’efficacia.

Accedi

Registrati | Password dimenticata?