Intervista a Bizzwai, The Connected Food

Bizzwai è il marketplace food di qualità tutto italiano che vende all’estero. Noi abbiamo intervistato Salvino Fidacaro, CEO del progetto.

Quando si parla dell’Italia vengono subito in mente tre cose: sole, cultura e cibo, ed è proprio proprio su quest’ultimo punto che nasce Bizzwai, la piattaforma che ospita più categorie di prodotti enogastronomici e che vuole raccontare al mondo intero le storie, le tradizioni e la gioia con cui vengono preparati i cibi Made in Italy, sinonimo da sempre di qualità.

L’obiettivo principale del progetto è quello di promuovere, dopo un’attenta selezione, i migliori prodotti enogastronomici italiani realizzati dai laboratori artigianali locali. Bizzwai non è un semplice ecommerce, ma un vero marketplace food all’interno del quale è possibile esporre e vendere i propri prodotti. Tramite la piattaforma tutti i produttori che hanno già un proprio sito web aziendale ma non hanno tempo e risorse per costruire e mantenere un ecommerce proprietario, possono usufruire dello spazio commerciale creando uno store personalizzato, dotato di dominio altrettanto personalizzato, dove poter inserire prodotti ed eventuali offerte. Gli stessi prodotti inseriti vengono promossi all’interno di network di siti internazionali Bizzwai.

Bizzwai seleziona i produttori ospitati nella piattaforma in modo da garantire sempre l’eccellenza dei prodotti alimentari venduti e la limitata produzione commerciale. Comprare tramite questo marketplace equivale ad affidarsi a un servizio ottimizzato per garantire un processo di acquisto controllato.

jsDay e phpDay 2015: novità sulla nuova edizione

jsDay e phpDay 2015: le nuove attese edizioni si terranno a Verona dal 13 al 16 maggio.

Il jsDay e phpDay sono sicuramente due delle più importanti conferenze del settore a livello internazionale e tra le più conosciute in Europa; al loro interno si riuniscono ogni anno i migliori relatori e sviluppatori internazionali. Le due conferenze rappresentano infatti un’ottima occasione di crescita sia per chi si è avvicinato da poco al mondo dello sviluppo e sia per chi vuole restare aggiornato sulle migliori pratiche.

Come ogni anno le giornate del jsDay e phpDay sono caratterizzate da grandi interventi da parte di relatori internazionali, manager e guru. Nelle scorse edizioni sono stati portati avanti più track contemporaneamente, ci sono stati più di 40 speakers, più di 300 partecipanti per conferenza e più di 50 iscritti ai workshop del phpDay.

Come lo scorso anno il jsDay e phpDay 2015 è stato organizzato dagli amici di Grusp ai quali abbiamo voluto chiedere qualche curiosità e inedito; a tal riguardo Cesare D’Amico, fondatore e segretario del GrUSP, ha gentilmente risposto alle nostre domande.

Incontro DevOps Italia 2015: le novità della 3° edizione

La terza edizione dell’Incontro DevOps Italia 2015 si terrà a Bologna il 10 aprile 2015.

Un intero giorno di conferenze dedicate a persone interessate a parlare di DevOps. Tra le tematiche affrontate ci saranno i sistemi di monitoraggio moderni, l’approfondimento su mondo Agile applicato al contesto dei sysadmin, le infrastrutture Agili (fra cui tecniche e metodologie per crearle, mantenerle ed evolverle), automazione dell’infrastruttura e molto altro.

La metodologia DevOps viene spesso descritta come una relazione collaborativa e produttiva tra i gruppi di sviluppo e quelli di operation. Grazie ad essa si riesce ad incrementare efficienza e a ridurre rischi di frequenti modifiche in produzione. Il primo evento Incontro DevOps Italia, fu organizzato nel 2013, dopo il successo del DevOpsDays del 2012. L’evento, giunto alla sua terza edizione, è conosciuto per il suo essere semplice e low cost.

Anno dopo anno la conferenza ha raggiunto il tutto esaurito e quest’anno si svolgerà presso il Savoia Hotel Regency di Bologna che presenta una sala conferenze molto più capiente.

L’edizione 2015 dell’evento è organizzata da Biodec, Grusp e Ideato. L’Incontro DevOps Italia 2015 sarà diviso in diverse track, quella principale nella main room e quelle parallele A e B, sarà inoltre possibile all’interno degli open space di organizzare delle rapide discussioni non presenti nel programma, il fine dell’evento è quello di creare una maggiore quantità di condivisioni. Noi di Seeweb saremo presenti all’evento in qualità di sponsor e, come per gli altri eventi, abbiamo pensato di fare qualche domanda a Michele Finelli, uno degli organizzatori dell’evento.

CMS Blue Ocarina: intervista ai fratelli Toffoloni

Luca ed Elena di Blue Ocarina

I fratelli Toffoloni creatori del CMS Blue Ocarina

“Fratello e sorella insieme in un’avventura di nome Blue Ocarina: dall’assistenza Mac al business composer. Un percorso fatto di passione, web e comunicazione…”

Luca ed Elena Toffoloni si raccontano così sul sito del loro CMS Blue Ocarina. Tutto è iniziato da un’idea creativa di Luca che, nei primi anni duemila, quando Google non era ancora il più grande motore di ricerca del mondo, pensò di cimentarsi nella creazione di un’applicazione web chiamata Timesheet.

Con il tempo e gli anni, l’applicazione, che si occupava della gestione del tempo e degli aspetti amministrativi, crebbe creando una serie di opportunità fra cui l’ideazione e la realizzazione di un CMS proprio che permettesse ai clienti di modificare i contenuti dei loro siti web in completa autonomia.

Il CMS Blue Ocarina è un progetto ai quali i fratelli Toffoloni tengono particolarmente. Definito dagli stessi come uno strumento che migliora e semplifica la vita dei clienti riuscendo a rendere il sito web facile da utilizzare anche per chi non è esperto; al di là degli automatismi, il sistema è in grado di semplificare la parte tecnica del SEO. Tra le altre cose, il CMS Blu Ocarina è stato realizzato e sviluppato anche con l’intento di ridurre al minimo l’elaborazione dei dati sui server.

Noi di Seeweb abbiamo avuto modo di intervistare le menti creatrici del CMS che ci hanno raccontato con piacere alcuni segreti dell’applicativo.

Accedi

Registrati | Password dimenticata?