Intervista Thinking About: la creatività digital su Cloud Server

Intervista Thinking About

Innovazione e tanto studio. E poi un mix di design e tecnologia per la quale Thinking About ha ricevuto numerosi riconoscimenti. Che vengono soprattutto dai clienti (grandi) che ogni giorno li scelgono. E che loro mettono sul nostro Cloud

Questa per Seeweb è la volta dell’intervista a uno studio creativo di Perugia che ha fatto del binomio Design e Tecnologia una sua ricetta particolarmente vincente. Parliamo di Thinking About, un gruppo di creativi del web che vanta nel suo portfolio brand come Boffi, Bulgari, Kinder, Toyota, Google, Sony e tanti altri.

Il messaggio netto e senza compromessi di Thinking About si evince da subito sul sito web che li presenta: il loro focus è su progetti importanti, il loro mantra innovare.
Innovare prodotti e servizi, e servirsi delle grandi opportunità offerte dal digital per fare la differenza in quel mare magnum che è il mercato attuale.

Thinking About ha iniziato a curare i suoi progetti digitali innovativi rivolti a brand famosi, agenzie importanti e startup nel 2009. E possiamo dire che dopo solo un anno ha iniziato a sfruttare la tecnologia cloud Seeweb, nella quale ha trovato un alleato.

Adottando in particolare la soluzione Cloud Server.

Intervista a Tommaso Betori, Managing Director di Thinking About

Ikon: la digital agency che si ispira alla natura

Uno dei fondatori di Ikon a 11 anni già  programmava videogame. Dal ‘97 a oggi, continua a confermarsi una web agency creativa e innovativa: che ha scelto Seeweb!

Seeweb: Salve e benvenuti al nostro appuntamento con il mondo dei professionisti del web. Ci raccontate brevemente come nasce Ikon?

Ikon: Ikon nasce nel 1997 grazie all’intuizione di Enrico Degrassi che, assieme a Fulvio Degrassi, Michele Degrassi e Manuela Tomadin, dà vita a una tra le primissime digital agency del nord-est.

Con una passione per tutto quello che riguarda la tecnologia e i new media, Enrico inizia a programmare videogames già all’età di 11 anni sul suo ZX Spectrum. Successivamente, mentre studia Architettura a Venezia, lavora come freelance sui primi progetti multimediali in cui la grafica 3D è l’elemento portante. Fondare la società diventa presto un’esigenza per affrontare progetti via via più complessi mettendo a sistema competenze diverse grazie all’arrivo di nuovi collaboratori.

Dos Media: dal cuore di Roma, la digital agency che ama l’open

Siamo entrati per un po’ nel “digital open space” di Dos Media. Un’agenzia romana con un focus particolare sulla brand identity e, soprattutto, sul valore della persona

Seeweb: Ciao e benvenuti al nostro appuntamento con il mondo dei professionisti del web. Ci raccontate in breve come nasce Dos Media?

Marco Pardini: Dos Media è un’agenzia digital fondata e quotidianamente “alimentata” da me e Andrea Caperni e la sua genesi è in effetti piuttosto curiosa. Nei primi anni 2000 io e Andrea ci siamo più volte casualmente incrociati in aziende che si occupavano di tecnologia e comunicazione e abbiamo, fin da subito, avuto la possibilità di lavorare assieme e sviluppare una certa sintonia professionale. All’epoca non erano ancora molte le realtà esclusivamente orientate al digital, ancora meno quelle che investivano nel connubio informatica&comunicazione; queste esperienze ci hanno garantito una certa visibilità su Clienti, contesti e processi e hanno rappresentato una palestra fondamentale per ciò che sarebbe venuto dopo. Andrea sin da subito si è concentrato sugli aspetti legati alla comunicazione intesa in senso ampio, io invece sono stato maggiormente assorbito dal project management, con uno sguardo privilegiato sulle tecnologie. Dopo l’ennesimo casuale incontro professionale nel quale Andrea, letteralmente, mi ha aperto la porta della nuova struttura in cui mi recavo per un colloquio, abbiamo capito che era arrivato il momento di metter su qualcosa insieme.

Accedi

Registrati | Password dimenticata?