Cloud e PMI: V convegno dell’Osservatorio Cloud & ICT as a Service

Il mercato Cloud In Italia: cloud e PMICloud e PMI: nell’ultimo anno le PMI hanno registrato una crescita del 70% della spesa in Public Cloud.

Il cloud anno dopo anno si conferma come un trend inarrestabile grazie al quale le organizzazioni stanno cambiando il modo di fruire delle tecnologie e di innovare i processi aziendali.

L’Osservatorio Cloud & ICT as a Service è giunto al quinto anno di attività, si pone come obiettivo quello di spiegare il fenomeno cloud facendo chiarezza principalmente su confini e percorsi di adozione con il fine di mettere in evidenza come la tecnologia cloud possa offrire una vera opportunità di innovazione per le imprese.

Sono proprio le PMI ad aver registrato una crescita del 70%  della spesa in cloud pubblico, aumentando l’incidenza che oggi è pari al 10%. Pur trattandosi ancora di un mercato poco rilevante, che vale circa 46 milioni di euro, il 30% delle pmi prese in considerazione per la ricerca dichiara di utilizzare già servizi di cloud pubblico, il 25% ha pianificato o ha intenzione di introdurli, il 43% pur conoscendoli, per il momento non ha interesse a utilizzarli e il restante 2% dichiara di non conoscere questa tipologia di servizi. Per il 37% delle pmi il cloud pubblico rappresenta una possibilità da esplorare per chiarirne la reale applicabilità, per il 31% è un importante alleato per rispondere alle richieste del business, per il 29% una leva di efficienza per la direzione it e per il 3% un’opzione non percorribile per problematiche di sicurezza o compliance.

Cloud pubblico VS Cloud privato: c’è ancora un confronto da fare?

Il Cloud Pubblico continua a crescere anno dopo anno e in Italia ha registrato un’impennata trimestrale del fatturato del 18,9% e dovrebbe arrivare a fine anno a un giro d’affari di 3,7 miliardi (+17,6%)

Cloud Pubblico per aziende[Aggiornamento articolo 31 Maggio 2017] Con la tecnologia cloud le aziende possono ottenere numerosi vantaggi e agevolazioni dal punto di vista organizzativo, economico ma soprattutto dal punto di vista della sicurezza dei dati. Attualmente quella del Cloud Pubblico non è più un “early adoption” ma è la prima scelta delle aziende (fonte).

Quasi la metà delle aziende che ha un’attività online sceglie servizi di Cloud Pubblico perché in questo modo riduce i costi economici e offre una notevole capacità on-demand.

Secondo recenti indagini del Business Technology Review Inc., solo nell’ultimo anno, l’utilizzo del Cloud Pubblico è aumentato del 46%. Lo studio rivolto al mercato Iaas, Saas e Paas, ha inoltre scoperto come le aziende utilizzano grandi dati per guidare il proprio business.

Scalabilità, accesso rapido alle infrastrutture e maggiore elasticità sono le caratteristiche più attrattive del cloud pubblico.

Accedi

Registrati | Password dimenticata?