Vendite online: una questione di monitoraggio delle prestazioni

Vendite Online come monitorare le prestazioni del sito con Cloud MonitorSe il sito rallenta, le vendite online calano a picco. Scopri come monitorare le performance in real time con Cloud Monitor e avere zero sorprese!

Il 40% delle persone abbandona il sito che sta visitando se i tempi di caricamento della pagina superano i 3 secondi.  Gli studi che analizzano il comportamento di chi acquista online offrono risultati chiari: un sito lento comporta ingenti perdite economiche; riducendo i tempi di caricamento della pagina di 0,1 secondi si verifica un incremento di conversione dell’1%.

Per questo è importante monitorare costantemente i tempi di apertura del proprio sito. Per avere sempre contezza di eventuali rallentamenti e degrado di prestazioni.

Questa funzione di controllo specifico sulle performance del proprio sito la offre Cloud Monitor, in particolare con il monitoraggio Full Page Loader.

Slowtime: il ritmo più temuto del web

Slowtime il ritmo più temuto del webGli esperti ci dicono che un sito che soffre di “slowtime” è più da temere di un sito fermo. Un motivo in più per investire nel modo giusto

Cosa succede alla maggior parte di noi se, navigando su uno shop online, non riusciamo a visualizzare immediatamente il paio di scarpe che stavamo puntando? Cosa ci accade se non percepiamo una reazione istantanea a ognuno dei nostri compulsivi click?

Non di rado, andiamo in tilt e, molto spesso, rinunciamo all’acquisto. Anche se il sito era disponibile, raggiungibile, ma lento. Abituati come siamo a un web ormai fluidissimo, che segue il ritmo della nostra tastiera.

Un post molto interessante di Tammy Everts, esperta di user experience, ha creato lo spunto di riflessione su come spesso le imprese possano temere i rallentamenti dei propri siti prima ancora dei fermi veri e propri. Come hanno avuto modo di studiare già alcune aziende, registrando un tasso di abbandono del proprio sito durante degli “slowtime” nettamente superiore a quello registrato durante dei completi “downtime”.

Potremmo pensare che, pur a fronte di lentezza e scarsa navigabilità, la disponibilità del sito sia comunque meglio rispetto a una irraggiungibilità totale dei servizi. Eppure non è così. Molto probabilmente, un sito down mi indurrà a ricollegarmi più tardi, magari a domandarmi perché si è fermato, soprattutto se è un sito molto popolare. Probabilmente, molti inizieranno a parlarne sui social, creando comunque engagement sul tema, a tutto vantaggio del brand.

La lentezza no, invece, quella non viene perdonata: spazientisce e aumenta il tasso di abbandono.

Cloud Monitor: controllo delle prestazioni a portata di click!

Cloud Monitor Seeweb

Con Cloud Monitor hai un sistema di monitoraggio semplice e orientato all’uso da mobile. Per controllare le prestazioni di siti e applicazioni da più aree geografiche

Cloud Monitor è da oggi attivabile con Seeweb su qualsiasi hosting o server. Tramite un unico servizio semplicissimo e immediato potrai: monitorare il tuo sito o i tuoi servizi erogati online per intervenire immediatamente in caso di criticità e indirizzare meglio i tuoi investimenti.

Il servizio di Cloud Monitor nasce con l’obiettivo di monitorare l’uptime di siti web e applicazioni e inviare alert in caso di problemi di prestazioni, con la possibilità di una lunga lista di servizi e integrazioni e di includere nel monitoraggio qualsivoglia metrica il cliente desideri.

Con Cloud Monitor è possibile controllare:

  • il proprio sito web (ping, http, https);
  • i propri servizi di posta (smtp, pop, imap);
  • i dns;
  • le transazioni;
  • il carico sui siti;
  • server virtuali e intere infrastrutture.

Accedi

Registrati | Password dimenticata?