Num. Verde 800 11 28 25

podio seeweb

Seeweb, Rackspace e Amazon: SLA a confronto

Indice dei contenuti

Uno degli argomenti che sta più a cuore a un fruitore di servizi Cloud? Certamente l’uptime.

 
La qualità e la professionalità di un provider infatti non lo rendono immune dalla possibilità che si possano presentare problemi, seppure momentanei.

Per curiosità ci siamo messi a confronto con altri due noti cloud provider valutando le differenze in termini di SLA:

RackspaceAmazonSeeweb
Uptime garantito100,00%99.95%99,90%
Intervallo di tempomensilei 365 giorni precedentimensile
Crediti5% del canone per ogni 30 minuti di downtime lato rete/datacenter; 5% del canone per ogni ora aggiuntiva di tempo passato a risolvere il downtime, fino al 100% del canone10% della quota per l’idoneo periodo di credito100% del canone mensile del server
Onere di notificaclienteclientecliente
Es. applicazione SLA
Config. Cloud serverRAM: 2GB, vCPUs: 2, Disco: 80GB persistente,
Banda: 60Mbps
RAM: 3.75 GB, 2 ECU,  Disco: 410GB Volatile, Banda: ndRAM: 2GB, 2 CPU, Disco: 80 GB persistente, Banda: 100 Mbps
Prezzo / mese73.00 €89.32 €78.00 €
Rimborso per 10 minnessunonessunonessuno
Rimborso per 1 h7.50 €nessuno78.00 €
Rimborso per 10 h36.50 8.90 78.00 €

 
 
Siamo orgogliosi di rilevare che lo  SLA offerto da Seeweb è  il più semplice nella formulazione e quello più vantaggioso e rassicurante per il cliente.

Note sulla comparazione (che non influenzano la valutazione dello SLA):
  • Le differenze tra lo sla di Amazon e quello di Rackspace sono state attinte da qui
  • Lo spazio segnalato per Amazon è “disco volatile”, per assimilarlo completamente al disco di Rackspace e Seeweb si dovrebbe aggiungere un disco persistente (aws EBS)
  • L’offerta Seeweb prevede un traffico di 1000 GB compreso nel costo. Per Rackspace e Amazon occorre considerare il traffico sviluppato in quanto non ce n’è in bundle

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email

15 risposte

  1. Interessante, non avevo mai fatto caso al dettaglio; forse dovreste evidenziare meglio la cosa.
    Mi viene un dubbio però: se pago 100,00€ al mese magari rimanendo fermo 10h ho un danno ben maggiore che non recupero certo con i 100 Euro!
    Il vero significato credo sia quello di essere certi che sarete molto attenti a non fare down o disservizi visto che se li fate vi costa un occhio della testa (100 Euro per 1000 clienti fanno un cifrone!).
    Come si fa a richiedere questo indennizzo, non mi è chiaro come funziona; mi mandate un assegno, mi fate un bonifico, mi date un buono?

    1. Buongiorno Marco,

      l’uptime con penale lo evidenziamo nella pagina dell’offerta: http://seeweb.it/cloudserver/
      E’ chiaro che, al di là della garanzia di rimborso, l’impegno di un fornitore è quello di evitare il più possibile di avere problemi: disagi pur di pochi minuti possono creare danni ingenti al cliente.
      Quanto alla richiesta di indennizzo, essa è carico del cliente, come del resto anche per Amazon e Rackspace. L’interessato potrà inoltrare due righe in cui “documenta” il disagio, così che la nostra amministrazione possa tracciare la durata dello stesso e rimborsarla tramite note di credito. Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti in merito anche al numero verde.

  2. Beh si spera che l’uptime garantito sia sempre rispettato. Su 30gg un uptime 99,90% vuol dire che al massimo in 1 mese il mio servizio potrà essere down per 43,2 minuti.
    Correggetemi se sbaglio.

    1. @Ondiz: Il suo calcolo è corretto. E’ chiaro che il nostro obiettivo è puntare sulla qualità ma come sottolineato nell’articolo nessun provider in assoluto può dirsi immune da eventuali disagi, per questo è importante avere uno staff tecnico più che preparato e una struttura tecnicamente impeccabile.
      Qualsiasi cliente preferisce che il servizio gli funzioni piuttosto che chiedere il rimborso per mancato sla; nel caso però per qualche malaugurato caso ce ne debba essere la necessità, noi vi rimborsiamo!

      1. Salve,
        La tabella sopra riportata non corrisponde a quanto ho trovato sul vostro sito:

        http://www.wikicloud.it/Service_Layer_Agreement

        “Garantisce altresi’ una continuita’ di servizio non inferiore al 99.90% su 365gg, in difetto riconosce un indennizzo pari al canone annuale del contratto sottoscritto”

        La garanzia del 99,90% è annuale e non mensile come riportato nella comparazione.

        1. Buongiorno Alex. Lo SLA, nel caso specifico del Cloud Server ma in generale di tutti i nostri prodotti su base mensile, è sui 30 giorni. Come evidenziato al punto 4) delle condizioni del contratto (http://www.seeweb.it/cloudserver/22), che il cliente sottoscrive, lo SLA è riferito alla durata contrattuale Ciò vuol dire che se un eventuale downtime supera i 43 min. nell’arco del mese, Seeweb rimborsa. Per qualsiasi chiarimento ci contatti pure nuovamente.

  3. Salve, perchè nel confronto non è stata inserita anche l’offerta Cloud.it offerta da Aruba? Stavo valutando se adottare la vostra o la loro soluzione, e loro sembrano offrire uno SLA che oscilla tra il 99,95% ed il 100%..

    1. Nell’analisi abbiamo scelto dei competitor adeguati al raffronto. Le comparazioni devono essere dotate di qualche omogeneità e comunque capirà bene che non potevamo certo includere tutti, non avrebbe avuto nemmeno senso. Non le sarà comunque difficile ottenere i dati per fare una comparazione oggettiva.

  4. Una curiosità

    L’uptime offerto da seeweb è legato alla disponibilita del servizio nella sua integrità e contenuti o al ripristino del servizio

    Ammettiamo che a causa di un evento non prevedibile ci sia una perdita di dati, è possibilie questa ipotesi nella sla di seeweb ?

  5. @Jk: Buongiorno, l’uptime di Seeweb è legato alla disponibilità del servizio; il ripristino del servizio è una procedura scontata dopo un disservizio. Ovvero, non si conteggia il tempo del ripristino, quanto quindi ci si metta a risolvere il problema, ma il riferimento è quello della disponibilità del servizio nella sua integrità.
    Per il resto le cito quanto recita l’estratto del nostro DPS:

    “L’eventuale interruzione di servizio non collegata con la perdita di dati ma derivante da problemi di connessione e/o da malfunzionamento dei dispositivi hardware (server, terminali, router) viene trattata in maniera autonoma dalla gestione/conservazione degli archivi.
    In caso di perdita dei dati il tempo stimato per il loro recupero sarebbe quello certificato dalla ditta fornitrice dell’assistenza hardware e software; stimabile comunque nel limite superiore di 24 ore. ”
    Restiamo a disposizione, grazie per averci contattato tramite questo blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 + 2 =