Num. Verde 800 11 28 25

Public cloud, di cosa si tratta?

Indice dei contenuti

Public cloud: cos’è e principali differenze rispetto al cloud privato o all’on premise

Una piattaforma di public cloud si basa su un modello di nuvola in cui il provider di servizi IT offre risorse e storage delle applicazioni. Offrendo porzioni di infrastruttura e gestendo tutto quello che serve per erogarla: hardware, connettività, gestione.
Le risorse hardware nel caso del modello di deploy del cloud di tipo pubblico sono condivise tra più utenti/clienti e messe a disposizione su una rete pubblica.

Caratteristiche del Public Cloud

Tra le caratteristiche e anche tra i vantaggi principali del public cloud, volendo fare una comparazione con on premise e cloud privato ci sono:

    • la velocità di attivazione
    • contratti a breve termine, sia mensili che addirittura orari, scenario particolarmente interessante per PMI e realtà che utilizzano i server per progetti a breve termine (per esempio, app e portali di concorsi, campagne marketing, sviluppo, pre-produzione)
    • la facilità con cui le figure aziendali dell’IT possono configurare e gestire il set-up da remoto avendo a disposizione solo una connessione Internet
    • la riduzione dei costi aziendali in termini di risorse (contando anche la difficoltà di trovare ingegneri IT velocemente e facilmente)
    • nessuna attività di manutenzione dell’hardware
    • la possibilità di ristrutturare il team IT aziendale e impiegarlo su task più produttivi
    •  

    Il ruolo del cloud privato sull’assetto delle risorse IT interne a un’azienda è un aspetto interessante.
    Avendo il provider in carico la maintenance di hardware, software e reti cloud, per l’azienda che sceglie una piattaforma di tipo public cloud non ci saranno in linea di massima problemi di sicurezza e aggiornamento.
    Non ci saranno inoltre:

      • costi operativi di gestione, update o riparazione dell’hardware
      • incombenze di sostituzione di quello obsoleto
      • tempo da dedicare all’installazione
      •  

      Sicurezza e controllo nel cloud pubblico

      Proprio per la necessità di gestire molteplici utenti contemporaneamente, il provider di cloud pubblico deve fornire sistemi e ambienti affidabili e prendersi cura dell’hardware.
      In linea di massima i cloud server “multitenant” – ossia quelli utilizzati da più utenti o tenant – sono più sicuri degli ambienti di private cloud perché:

        • la responsabilità di dati e informazioni di altre aziende li costringe a occuparsi costantemente della sicurezza
        • nel cloud privato le attività di maintenance, controllo sulla sicurezza e assessment sono demandati all’azienda

         

      Quali possono però essere gli svantaggi di un servizio di cloud pubblico? Possiamo dire che comunque la piattaforma è gestita da terzi e ciò può dare una sensazione di minore controllo, e la paura di utilizzare queste infrastrutture per dati particolarmente sensibili.

      Di qui, affidarsi a un tipo di public cloud erogato da un provider che ha in carico anche la gestione di propri data center, oltretutto in territorio italiano, e aderente a policy precise, può incentivare a scegliere questo tipo di tecnologia, coniugando le esigenze di flessibilità a quelle di una tranquillità sul fronte della gestione del dato.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Altri articoli da non perdere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

94 − = 85