Num. Verde 800 11 28 25

Il fenomeno dell’e-commerce in Italia

Indice dei contenuti

Il fenomeno dell'e-commerce

Negli ultimi anni si parla sempre più spesso del potenziale dell’e-commerce, soprattutto in Italia dove il governo italiano ha sentito l’esigenza di regolamentarlo. Acquistare online infatti, da pratica di nicchia è diventato un rituale abitudinario.

 

Attualmente gli italiani che, secondo alcune ricerche effettuate da Nielsen, Connexia e dalla School of Management del Politecnico di Milano, nell’ultimo anno hanno effettuato almeno 10 acquisti online, sono circa 3,7 milioni. D’altro canto, anche i commercianti, sia piccoli che strutturati, stanno imparando a sfruttare il commercio digitale espandendosi anche oltre il confine nazionale.

 

Il fenomeno dell’e-commerce è in crescita in tutta Europa; solo tenendo presente l’effetto che si è andato a diffondere in Gran Bretagna, Germania e Francia, rappresenta quasi l’80% dell’e-commerce europeo. Considerato il 2013, il livello del commercio elettronico ha raggiunto la cifra di 1250 miliardi di dollari con un incremento del 18,3% rispetto all’anno precedente. In Italia il valore stimato nel 2013 è pari a 22,3 miliardi di euro. Per non bastare, secondo Audiweb, il fatturato delle vendite negli ultimi 12 mesi è cresciuto del 6%.

Nonostante questi dati, il marketing online è ancora un’attività critica per la maggior parte delle aziende italiane che, anche se dimostrano una certa volontà all’investimento sul canale mobile, hanno un’attività sui social media difficoltosa.

Tra i settori che hanno tratto maggior vantaggi dal commercio elettronico in Italia ci sono:
– settore abbigliamento +30%;
– settore informatico ed elettronico +20%;
– settore assicurativo +14%;
– settore turistico +13%;
– settore editoriale e musicale +6%.

Come si evince dai dati sopra riportati, il quadro italiano è nel complesso positivo e lascia ben sperare per il futuro dell’e-commerce. Nonostante l’Italia sia uno dei paesi europei meno digitalizzati d’Europa, con un’alta percentuale di persone anziane e quindi poco propense agli acquisti online e all’utilizzo di carte di credito, negli ultimi anni c’è stato un vero cambiamento. Si allarga sempre di più il concetto del “everywhere and everytime“: gli utenti possono acquistare ovunque si trovano e in qualunque momento della giornata. Ad oggi, i cosiddetti web shopper italiani sono 14 milioni. In sostanza, l’Italia non può fare a meno del contesto dell’e-commerce, quello attuale è il momento ideale per osare ed avviare il processo di “multichannel transformation” indispensabile per raggiungere un pubblico più vasto.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Altri articoli da non perdere

2 risposte

  1. Pingback: upnews.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

− 1 = 2