HackInBo 2014: a Bologna per capire meglio di hacker

L’uso ormai diffuso di telefonia mobile ci espone sempre più a possibili hackeraggi. Abbiamo intervistato Mario Anglani, ideatore dell’evento HackInBo.

Mario Anglani, torinese ma bolognese d’adozione, è un meccanico della Ducati (Sviluppo & Sperimentazione Veicolo) ma ha la passione per la cucina e l’informatica.

Lo scorso anno ha deciso di creare a Bologna un evento gratuito sulla sicurezza informatica dando vita ad HackInBo Sicurezza all’ombra delle Torri che sta riscuotendo un grossissimo successo di pubblico e di critica.

Il prossimo HackInBo 2014 si terrà l’11 ottobre presso l’Auditorium Enzo Biagi di Sala Borsa che una location di grande prestigio. L’evento ha il patrocinio del Comune di Bologna e della Provincia, oltre che di diverse aziende e società del settore.

Mario, qual è l’obiettivo di HackInBo?

L’obiettivo primario è quello di informare il pubblico bolognese e non, riguardo temi di estrema attualità invitando a parlare esperti del settore di fama nazionale e internazionale. L’evento è rivolto, come evince dal sito, “ai dirigenti d’azienda, agli it-manager, ai sistemisti, agli appassionati e a tutte quelle persone interessate ad approfondire argomenti di estrema attualità”.

Intervista ad Anglani Mario di HackInBo 2014

Nella sua prima edizione HackInBo (10 settembre 2013) ha avuto come tema la sicurezza aziendale. Lo scorso evento (3 maggio 2014) quello della Cyber-War. Quale sarà il focus di questa nuova edizione dell’HackIn Bo 2014?

Per questo nuovo evento ho deciso di approfondire il tema della Mobile Security. Di questi tempi difficile trovare qualcuno che non possieda uno smartphone o un tablet. E la conseguenza è quella di essere esposti maggiormente a svariati tipo di attacchi. I relatori cercheranno di farci capire qualcosa in pidi questo mondo così vasto.

Il tema della sicurezza segue chiaramente l’evoluzione del mondo web: in questo evento si parlerà anche di sicurezza in area social media?
Si, è possibile che questo tema venga affrontato ma dovremmo aspettare tutti quanti l’11 ottobre per scoprirlo! I relatori mi hanno rivelato ben poco quindi sarà una sorpresa anche per me!

Che pubblico è quello bolognese? Come ha accolto HackInBo?
Il pubblico bolognese ha accolto molto bene l’evento e anche il resto del pubblico (che viene da tutta Italia) è rimasto molto soddisfatto. In città si sentiva la mancanza di un evento di questo tipo e spero sinceramente che questa avventura, perchè di questo si tratta, duri ancora per molto molto tempo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Accedi

Registrati | Password dimenticata?