Num. Verde 800 11 28 25

Come monitorare e graficare i server con Munin

Indice dei contenuti

muninMunin è un software opensource che permette di monitorare e graficare i server in modo molto dettagliato.

 

Progettato per essere estremamente flessibile, le sue funzionalità sono facilmente estendibili tramite plugin. Grazie a questo software si può monitorare praticamente tutto, dall’hardware (Cpu, Ram, Disco), al software (apache, php, mysql, postfix) passando per l’utilizzo della rete e per lo stato del sistema operativo.

 

Munin Seeweb
Load average

Sviluppato con architettura client-server ed è formato da due componenti:

– il client che campiona i dati sul server in relazione ai plugin installati;

– il server che recupera sistematicamente i dati dal client e sulla base di questi ne crea i grafici.

Grazie a questa architettura è possibile installare il client ed il server su macchine differenti ed avere più client collegati al medesimo server.

La seguente guida è riferita a Debian 8 ma è possibile installare i relativi pacchetti anche su altre distribuzioni.

Sul server dove sarà in esecuzione Munin è necessario avere un server web che possa fornire le pagine html generate da Munin, Apache e Nginx sono ottime soluzioni, se non è già installato è necessario farlo, in questa guida daremo come prerequisito Apache.

Per installare la componente server:

apt-get update && apt-get install -y munin

Una volta installato il server è possibile configurarlo.

Nel file /etc/munin/munin.conf decommentare le seguenti direttive:

dbdir   /var/lib/munin
htmldir /var/cache/munin/www
logdir /var/log/munin
rundir  /var/run/munin

In modo da specificare quali saranno le directory su cui saranno rispettivamente il database del software, i file html generati, i log e il pid del processo.

A questo punto non ci resta che creare la directoy che conterrà i file html:

mkdir -p /var/cache/munin/www
chown munin:munin /var/cache/munin/www

Configuriamo Apache affinchè il software sia protetto da username e password e quindi non accessibile direttamente all’esterno, creiamo il file .htpasswd

htpasswd -c /etc/munin/.htpasswd munin

Nel file /etc/apache2/conf-enabled/munin.conf impostiamo la seguente configurazione:

Alias /munin /var/cache/munin/www
<Directory /var/cache/munin/www>
        AuthType Basic
        AuthName "Authentication Required"
        AuthUserFile "/etc/munin/.htpasswd"
        Require valid-user
</Directory>

ScriptAlias /munin-cgi/munin-cgi-graph /usr/lib/munin/cgi/munin-cgi-graph
<Location /munin-cgi/munin-cgi-graph>
        Require local
        <IfModule mod_fcgid.c>
            SetHandler fcgid-script
        </IfModule>
        <IfModule !mod_fcgid.c>
            SetHandler cgi-script
        </IfModule>
</Location>

Dopo aver avviato Apache, avremo il software configurato protetto da username e password.

Per accedere è possibile farlo via web digitando nel browser http://127.0.0.1/munin/ (Dove 127.0.0.1 è l’ip o l’hostname del nostro server).

Per installare il client:

apt-get update && apt-get install munin-node munin-plugins-extra

La configurazione del client è automatica, è sufficiente eseguire il comando:

munin-node-configure

Tale comando esegue l’autodiscovery di ciò che è possibile monitorare.

Nel file /etc/munin/munin-node.conf è possibile definire le configurazioni del client, in particolare deve essere specificato l’ip del server Munin che può accedere, in questo caso dato che client e server girano sulla stessa macchina la direttiva è:

allow ^127\.0\.0\.1$

Una volta editata la configurazione del client per riavviarlo:

/etc/init.d/munin-node restart

Dobbiamo adesso impostare sul server qual è il client che vogliamo monitorare, questo può essere definito nel file: /etc/munin/munin.conf . I dati da riportare sono sostanzialmente la label che vogliamo dare al client e l’indirizzo ip del client:

[servermunin.seeweb.it]
    address 127.0.0.1
    use_node_name yes

Una volta configurato il client nel nostro server verranno campionati e graficati i dati.

Se vogliamo estendere le funzionalità di monitoraggio possiamo aggiungere dei plugin, oltre a quelli già presenti nei pacchetti dei sistemi operativi, se ne trovano molti altri, una buona base di partenza è http://munin-monitoring.org/wiki/plugins oltre che github.

I plugin sono nella directory /etc/munin/plugins/ mentre quelli non abilitati (ma già installati) sono in /usr/share/munin/plugins/ per attivarli è necessario copiarli  (o creare un link) in /etc/munin/plugins/.

Riteniamo Munin uno strumento molto valido per il monitoraggio e ne cosigliamo vivamente l’installazione, può essere un valido aiuto per monitorate costantemente il carico del server, le attività ed i processi avendo uno storico su cui fare riferimento.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Altri articoli da non perdere

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

48 + = 51