Come funziona una query al database?

Quando ho visto questa foto del 1937 ho pensato “ecco come funzionano le query al database“.

La foto ritrae una base di dati, composta da 3000 cassetti, lungo ognuno tre metri. Le scrivanie si muovevano elettricamente, sia orizzontalmente che verticalmente, e venivano azionate da dei semplici pulsanti. Anche i cassetti si aprivano e si chiudevano elettricamente.

Con questo sistema – innovativo per l’epoca – il lavoro che prima veniva svolto da 400 lavoratori, ora impiega al massimo 20 persone e con uno sforzo minore.

 Come funziona una query al database. Archivio di una società di assicurazioni francese, nel 1937 (National Archives, Spaarnestad Foto, J. Ehm).

Archivio di una società di assicurazioni francese, nel 1937 (National Archives, Spaarnestad Foto, J. Ehm).

Oggi tutta questa mole di informazioni può stare tranquillamente in una penna USB, o ancora meglio in un CloudDB, che unisce la velocità e l’efficienza di esecuzione dei moderni database alla garanzia di protezione dei dati del disaster recovery geografico.

Il tutto è configurabile in tempo reale e con pochi click. È talmente facile, che sembra di stare a giocare con una playstation! In un attimo la nostra base di dati attiva nel datacenter di Frosinone, può essere replicata a Milano e mantenuta sincronizzata in tempo reale.

Non resta che provarlo. 😉

2 commenti a Come funziona una query al database?

  1. […] Ti sei mai chiesto come facevano le query al database nel 1937? Abbiamo trovato un'immagine che soddisferà la tua curiosità! Guardala ora.  […]

  2. […] utilizzati, per via del loro modello in linea con le reali necessità – tra i più comuni, MySQL, MariaDB, PostgreSQL, Oracle, IBM DB2, MS SQL – ,  in molti casi d’uso […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Accedi

Registrati | Password dimenticata?