Num. Verde 800 11 28 25

BaasBox, un anno (e un ufficio) dopo

Indice dei contenuti

Nel 2012 vincevano CloudSeed. Oggi sono nostri partner insieme a LVenture. Siamo tornati a fargli qualche domanda.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=0tcihNtqjzs[/youtube]

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=SxTPIgJrPQs[/youtube]

 

A un anno da CloudSeed, che li ha visti primi in classifica, il nostro Stefano Di Pede è tornato a intervistare Federico Pacilli e Claudio Tesoriero di BaasBox. E li ha trovati molto bene, oltre che, a detta loro,  più “ripuliti”.

Le cose infatti stanno andando avanti.

Stefano: Ricordateci cos’è BaasBox…

Claudio: Un opensource che aiuta gli sviluppatori a realizzare più velocemente le proprie applicazioni.

Stefano: Come avete utilizzato i finanziamenti ricevuti?

Federico: Quando abbiamo vinto CloudSeed il progetto era in fase embrionale: abbiamo investito per metà in sviluppo e per metà in marketing; poi siamo entrati nel programma di accelerazione di LuissEnlabs, dopodiché abbiamo presentato i risultati raggiunti agli investitori, e Seeweb ed LVenture sono diventati nostri soci.

Stefano: Come  è cambiata l’applicazione a livello tecnico?

Claudio: Ci siamo aperti al mondo dell’Università per tesi e stage presso di noi, e BaasBox è molto più stabile. Abbiamo già in produzione alcune applicazioni; ci sono nuove funzionalità come la possibilità di registrarsi dai social; inoltre BaasBox può gestire le notifiche push per i cellulari Android e IOS. E’ possibile gestire il following tipo Twitter . Si possono archiviare e recuperare i file, e per i file con testo fare interrogazioni specifiche. Per esempio cercare un PowerPoint per numero di slide. Inoltre oggi BaasBox non è solo un server ma anche una serie di librerie che presentano interfacce coerenti con il linguaggio di programmazione che si è abituati a utilizzare.

Stefano: L’anno scorso sognavate un ufficio tutto vostro. E oggi?

Federico: Oggi abbiamo un box tutto nostro qui alla Stazione Termini (ndr: intanto ci fanno fare un giro virtuale all’interno della sede) e collaboriamo con altre persone.

La prossima sede, conclude Federico, sarà internazionale. Se si è realizzato il primo sogno, diciamo noi, perché no?

Intanto voi continuate a seguirli.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Altri articoli da non perdere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 + 1 =